Le Isole Egadi, meraviglie tra cielo e mare

Le Isole Egadi sono una tappa che, se stai trascorrendo una vacanza a San Vito Lo Capo, non puoi lasciarti sfuggire. L’arcipelago, infatti, si trova tra Trapani e Marsala ed è facilmente raggiungibile. Una volta giunto sul posto godrai di un’aria pura e di bellezze paesaggistiche difficili da eguagliare.

Le Isole Egadi

Quello dell’ Isole Egadi è un arcipelago composto da 3 isole principali e 7 minori per una superficie totale di 37,5 Kmq e 6.930 abitanti concentrati sulle isole principali. Il capoluogo è Favignana che si trova nell’omonima isola.

Ecco, di seguito, le isole e gli isolotti (o scogli) che potrai visitare alle isole Egadi:

  • Favignana, la più grande tra le isole principali con una superficie di 19,8 Kmq;
  • Marettimo ha una superficie di 12,3 Kmq;
  • Levanzo è, invece, la più piccola tra le isole principali con una superficie di appena 7 Kmq;
  • l’Isola di Maraone è un grosso scoglio lungo 600 metri che si trova tra la costa trapanese e Levanzo. Ha una superficie di 0,05 Kmq;
  • l’Isola Formica (0,04 Kmq) si trova tra anch’essa tra Levanzo e la costa di Trapani da cui dista, rispettivamente, 4,5 e 7,5 Km. Attualmente è un isolotto privato che ospita una comunità di tossicodipendenti, “Mondo X”;
  • le Isole dello Stagnone devono il loro nome a quello di una delle lagune più grandi dell’intera Sicilia. Sono 4 gli isolotti che ne fanno parte ovvero l’isola Grande, l’isola Schola, Santa Maria e l’isola di San Pantaleo. In totale la superficie è pari a 5,4 Kmq.
  • l’isola Galera è un piccolissimo scoglio disabitato;
  • l’isola Galeotta, allo stesso modo, ha piccolissime dimensioni e non risulta abitata;
  • anche l’isola Preveto è disabitata. Ha una superficie di appena 0,057 Kmq e deve il suo nome all’unica costruzione ivi edificata, probabilmente un convento. Caratteristica dell’atollo in questione è quella di veder nidificare, tra le sue coste, i gabbiani reali.
  • il Fariglione (o Faraggioni in dialetto siciliano) è l’ultima delle isole minori di cui è proprio la più piccola con i suoi solo 0,014 Kmq di superficie.

Tutte le isole minori appartengono, sotto il piano amministrativo, al comune di Favignana fatta eccezione all’isola Grande e a quella di San Pantaleo che fanno capo, invece, al comune di Marsala.

Isole Egadi, un itinerario storico che ti affascinerà

Le isole Egadi ti affascineranno, su questo non abbiamo alcun dubbio! La storia che le ha attraversate la respirerai ad ogni vicolo che percorrerai, ad ogni angolo che visiterai e ad ogni paesaggio che ti soffermerai ad ammirare. A quanto pare la più antica tra le isole Egadi è Levanzo, paradossalmente la più piccola tra le tre isole principali dell’arcipelago. La presenza umana, infatti, si registrerebbe su quest’isola già dall’ultima glaciazione. Diverse le testimonianze presenti sul posto che avvallano questa teoria. Proprio le isole Egadi furono al centro della fine della Prima Guerra Punica quando nel 241 a.C. si combattè, davanti alle loro coste, la battaglia decisiva che diede la vittoria ai Romani che conquistarono queste terre.

Caduto l’Impero Romano (476 d.C.), le isole Egadi subirono diverse dominazioni tra cui quelle dei Vandali, dei Goti e dei Saraceni. Furono durante la dominazione normanna, comunque, che vennero previste le più grandi opere di fortificazione di cui sono presenti, ancora oggi, delle testimonianze.

Isole Egadi, cosa non puoi lasciarti sfuggire

Un mare cristallino, una natura incontaminata: non ci sorprende che le isole Egadi facciano parte dell’Area Marina Protetta più grande a livello europeo. Visite storiche, immersioni, spiagge, relax, sono tante le cose da vedere e le attività che puoi svolgere durante il tuo soggiorno. Ad esempio, a Favignana puoi visitare il Museo del Mare più grande d’Italia presso l’ex stabilimento Florio. Un simbolo per quest’isola che ricorda come i favignanesi si siano riscattati nei secolo sia socialmente che economicamente sfruttando il tonno. Questa è una risorsa del mare di queste zone di cui, proprio al Museo, potrai ammirare gli strumenti di uccisione e quelli dedicati all’inscatolamento.

Che ne dici, poi, di una visita ai Giardini Ipogei? Anche qui potrai ammirare un paesaggio unico in cui le antiche cave del tufo sono state trasformate in veri e propri orti botanici. Ti innamorerai della spiaggia di Favignana, meno frastagliata delle altre e spettacolare sia di giorno che al tramonto. In determinati periodi dell’anno potrai anche concederti una mini crociera di un giorno tra Favignana e Levanzo con partenza da Trapani. Spendendo mediamente 60 €, avrai 8 ore, in cui scoprire le meraviglie di queste isole.

Proprio a Levanzo, se sei appassionato di storia, potrai ammirare la Grotta del Genovese, caratteristica per i disegni raffigurati sulle sue pareti che sembrano risalire addirittura all’età paleolitica. Potrai percorrere i particolari sentieri di Marettimo ed immergerti in una natura quasi incontaminata alla scoperta di oltre 500 tipologie di piante differenti.

Isole Egadi, riserva naturale ricca di vita e buon cibo

Le isole Egadi saranno indimenticabili se ami ammirare tutti gli uccelli che ne costituiscono la fauna acquatica. Alcune di queste specie puoi ammirarle tutto l’anno, altre solo in determinate stagioni ma tutte ti lasceranno a bocca aperta. Stiamo parlando di specie come i falchi pellegrini, i gheppi, i grifoni, i pellicani, i fenicotteri rosa, i gabbiani reali, i corvi imperiali e molte altre.

Ed anche una volta seduti a tavola non si rimane di certo delusi! A riprova del fatto che le Egadi sono un paradiso per la pesca, le principali specialità culinarie sono proprio a base di pesce. Come a San Vito Lo Capo e come, diciamolo, in tutta la Sicilia, il cous cous di pesce la fa da padrone. A questo si accompagnano la bottarga, il pesce spada e ottime conserve di tonno sott’olio.

Le isole Egadi, dunque, saranno la tua meta ideale se sei una buona forchetta e non solo! Ricordati di mettere in valigia tutto ciò che riguarda il relax al mare o le immersioni alla scoperta dei fondali. Ma non finisce di certo qui: anche il necessario per un trekking sicuro e consapevole non può mancare! Non dimenticare di portare con te tanta voglia di divertirti e, a questo punto, ti auguriamo un buon divertimento!