Bonagia e la sua Tonnara, un itinerario da 100 e lode

Bonagia è tra le mete preferite dai turisti che decidono di trascorrere una vacanza a San Vito Lo Capo e dintorni. I panorami che ti offrirà questo posto incantato, infatti, sono di rara bellezza. Un mare cristallino, sempre limpido, con una spiaggia “ciottolosa” ti daranno il benvenuto in questo posto che, definire paradiso terrestre non è esagerato.

Bonagia

Bonagia si trova in una posizione magica, a metà tra Custonaci e la città di Trapani. Raggiungere questo piccola, ma suggestiva, terra di pescatori non è assolutamente complicato. Da San Vito Lo Capo, ad esempio, ci impiegherai al massimo una ventina di minuti in automobile.

Golfo di Bonagia

La Tonnara di Bonagia

La Tonnara di Bonagia è una delle tonnare più importanti di Sicilia, meta di migliaia di turisti ogni anno. Al suo interno venivano, nei secoli scorsi, lavorati i tonni pescati nel Mediterraneo che, specie tra aprile e giugno era ricchissimo di questi pregiati pesci.

Veduta della Tonnara di Bonagia

Attualmente la Tonnara di Bonagia non è più in attività. L’intera struttura è stata adibita ad albergo ma si tratta pur sempre di un luogo che puoi visitare. Fisionicamente, infatti, ha mantenuto tutte le sue caratteristiche originarie.

Potrai ammirare il cosiddetto “Baglio”, una sorta di cortile su cui si affaccia ogni fabbricato che faceva parte dell’antica tonnara. Stiamo parlando di diversi magazzini, delle cucine, del forno, di un mulino. Potrai anche ammirare quel che rimane della cosiddetta chiesa del Santissimo Crocifisso dove i marinai si riunivano per pregare poco prima della partenza per la mattanza.

Santissimo Crocifisso di Bonagia

Interessante risulterà anche visitare il Museo della Tonnara che è ospitato all’interno dell’antica torre di Bonagia. In tempi antichi questa aveva una funzione protettiva e di avvistamento. Non è un caso se proprio all’ingresso troverai un’incisione datata 1626. Questa è la data di ristrutturazione della torre che era stata, due anni prima, violentemente danneggiata dai pirati.

Bonagia

Attualmente, invece, vi potrai ammirare diversi reperti fotografici che ti racconteranno, in ogni fase, la pesca del tonno. Le cosiddette “cialome”, ovvero gli antichi canti del pescatore, accompagneranno la tua visita in cui non mancheranno anche attrezzi antichi del mestiere e utensili. Il museo è aperto tutti i giorni dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 20:00 e prevede il pagamento di un biglietto di ingresso pari a 3 euro.

Palazzo Bonagia e le splendide calette

Bonagia, però, non è solo la sua Tonnara. Benché, infatti, questa sia indubbiamente l’attrazione di maggior pregio del luogo, anche il Palazzo Bonagia è tra le mete preferite di molti turisti. Si tratta di un’imponente struttura, antica residenza dei baroni del posto, realizzata in stile rococò su più livelli.

Palazzo di Bonagia

Molta suggestiva la grande scalinata realizzata con il tipico marmo rosso di Castellammare del Golfo a cui si accompagnano diverse colonne, degli archi ed una meravigliosa balaustra.

Lungomare di Bonagia

La zona di Bonagia è ricchissima di calette di rara bellezza. In queste acque limpide sarà un vero piacere fare il bagno e godere di momenti di relax e tranquillità specie in estate (quando la spiaggia principale è un po’ troppo affollata). Un’occasione per trascorrere una bella giornata all’insegna del divertimento immergendoti in uno dei luoghi più suggestivi della Sicilia occidentale.